In Evidenza


base-logo

volontariÈ stato pubblicato il bando per la selezione di 2.129 giovani da impiegare in progetti di Servizio Civile Regionale, progetti finanziati con il POR FSE 2014/2020, il presente bando rientra nell’ambito di Giovanisì il progetto della Regione Toscana per l’autonomia dei giovani.

Nel bando è stato finanziato anche il progetto SCR Pisa Volontariando 2016 dove partecipa anche la tua Pubblica Assistenza.

Ragazzi e ragazze possono presentare domanda entro il 16 dicembre 2016.

Vai alla sezione ATTIVITA’/SERVIZIO CIVILE e leggi l’intero Bando e le modalità per fare la domanda



Natale 2016


Torna la paura nel centro Italia

Alle 19,11 del 26 Ottobre 2016 la prima scossa, di magnitudo 5.4 della scala Richter, a 9 chilometri di profondità, con epicentro nella provincia di Macerata, tra Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita (dove sono crollate alcune case), e Preci. La terra ha tremato a lungo anche a Roma, L’Aquila, Perugia, e Terni. Ed è stata avvertita in Friuli, in Veneto e perfino in Austria.

Dopo la più forte, altre scosse sono state registrate: alle 19,55 con una di magnitudo 3.0 e alle 20,39 con magnitudo 3.4, e poi quella delle 21,18, ancora più forte della prima e poi una terza (per intensità) poco dopo le 23: 4,6.

Fino alle 23 sono state circa 60 le scosse localizzate dalla Rete Sismica Nazionale dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) nel centro Italia, lo riferisce in una nota l’ Ingv, tra il terremoto di magnitudo 5.4 e quella di magnitudo 5.9 si sono verificati 5 eventi di magnitudo maggiore o uguale a 3.0.

Successivamente al terremoto di magnitudo 5.9 e fino alle ore 23.00 italiane, sono stati 18 i terremoti di magnitudo maggiore o uguale a 3.0.

Le scosse sono state localizzate nella zona al confine tra Marche e Umbria, a nord dell’area attivata il 24 agosto. I due epicentri sono ubicati tra le province di Macerata, Perugia e Ascoli Piceno.


L’ A.V.I.S. Comunale di Fornacette festeggia i suoi 40 anni di vita.

Con una giornata intensa di significati, l’AVIS Comunale di Fornacette ha festeggiato in grande, domenica scorsa 16 ottobre, l’invidiabile traguardo dei 40 anni dalla sua fondazione, chiamando a raccolta i donatori di sangue, i soci, i suoi Dirigenti, le Consorelle, le Istituzioni.

40 anni di A.V.I.S.

E’ stata ancora una volta la Chiesa S.Andrea Apostolo di Fornacette ad accogliere con la Santa Messa delle 10,00 i volontari/donatori ed i delegati delle numerose delegazioni AVIS della Valdera e limitrofe. Per l’occasione partecipavano anche le rappresentanze della Pubblica Assistenza, dei Fratres e della Misericordia di Fornacette, nonché le Istituzioni Comunali, rappresentate dal Vicesindaco Roberto Gonnelli. Al termine della Santa  Messa, dopo la classica foto ricordo con Don Pietro davanti al Sacrato, come da tradizione, tutti in corteo per deporre una corona floreale commemorativa al monumento dei Caduti Civili in Piazza Della Repubblica e successivamente in sala James Andreotti per incontrare  e ringraziare uno ad uno i donatori.

Ed è proprio in sala J.Andreotti che parole di ringraziamento sono state pronunciate dal Presidente AVIS Comunale M.Piccolo, dal Presidente AVIS provinciale G.Pucci, dal Vicesindaco, dal Dott. Petrucciani, Responsabile del Centro Trasfusionale dell’Ospedale Lotti di Pontedera, dal Presidente della Banca di Pisa e Fornacette, Dott. Paoli.

“ Non solo si deve donare quando serve, ma anche quando non serve, perché il bisogno di sangue non va mai in ferie”

40 anni di A.V.I.S.

E’ con questo eloquente monito che il Vice Presidente Regionale AVIS Luciano Franchi ha voluto concludere il suo intervento, dopo aver sottolineato quanta strada abbia percorso l’AVIS dalla sua nascita, nel 1927 ad opera del Dott. Formentano, ad oggi e quanto ancora rimangano obiettivi primari la presenza dei giovani per l’avvicendamento di coloro che, per raggiunti limiti d’età e/o motivi di salute, non possono più donare ed il  raggiungimento dell’autosufficienza nelle donazioni. A tale proposito, Franchi, informa dell’esistenza della “APP” dal nome “METEO DEL SANGUE”, che chiunque può scaricare da AVIS TOSCANA, strumento utile per il donatore per conoscere in tempo reale le necessità e le tipologie da coprire.

E infine, terminata la consegna dei riconoscimenti agli oratori, alle consorelle ed ai donatori, il pranzo sociale al Parco della Fornace ha concluso in bellezza la giornata.